MASSAGGIO THAILANDESE

Yoga passivo + pressione

Spesso descritto come “massaggio Yoga”, il massaggio tradizionale Thailandese somiglia ad una lenta, meditativa danza fluida in cui il massaggiatore usa il proprio corpo come una leva che permette al paziente di effettuare circa 130 diversi movimenti di allungamento.

Consiste in una lunga sequenza in cui si combinano varie tecniche per liberare la tensione imprigionata nel corpo di chi riceve il massaggio: digitopressione, reflessologia, yoga passivo, stretching passivo, profonde pressioni ritmiche e movimenti oscillatori del corpo.

Il massaggio Tradizionale Thailandese aumenta il livello di benessere , vitalità e salute.
E’ ideale per chi desidera un profondo rilassamento, un sollievo dallo stress e una maggior elasticità nei movimenti.
Corregge cattive abitudini posturali, permette di aumentare la gamma di movimenti del corpo e aiuta ad alleviare i dolori e sciogliere le tensioni muscolari.
Particolarmente utile per sconfiggere mal di testa, cervicalgie, artriti, sciatiche, colpi di frusta e dolori di schiena. Aiuta, inoltre, a rinforzare e migliorare la circolazione del sangue e della linfa, facilitando la liberazione dalle tossine e l’equilibrio energetico.
E’ indicato sia per i giovani che per i non più giovani.

In Thailandia il Massaggio Thai. è considerato una branca della Medicina Tradizionale Thailandese; è riconosciuto e regolamentato dal governo ed insegnato presso istituzioni pubbliche e private; è altresì insegnato e praticato da personale “non-medico” nei centri benessere, spa, alberghi, villaggi turistici, industria del turismo.

ORIGINE E STORIA

Il massaggio Thai è un massaggio medico praticato dai monaci buddisti della Tailandia. E’ stato tramandato da maestro ad allievo per oltre 2500 anni. Combina i punti di digitopressione della Medicina Cinese con uno stretching assistito ispirato allo Yoga di derivazione indiana, che apre il corpo energeticamente e fisicamente. Lo scopo finale del Massaggio Tradizionale Thai è, sia per chi lo pratica che per chi lo riceve, il raggiungimento di uno stato di “leggerezza” fisica ed interiore e un’elevazione emotiva e spirituale.
Le sue origini si perdono nel mistero, ma sembra che derivi da una combinazione di medicina Ayurvedica indiana, di Yoga e di Medicina Tradizionale Cinese.

Normalmente, prima dell’inizio di una sessione, viene fatta una diagnosi sulle necessità del paziente.  Quindi il terapista inizia il massaggio ad un ritmo coordinato con la respirazione del ricevente per portarlo in uno stato di armonia.
Il Massaggio Tradizionale Thai aumenta l’attività vascolare, promuove la liberazione di tossine dalle cellule e libera il corpo dalle tensioni migliorando la postura.  Ma, oltre a questa attività fisiologica, ripristina la corretta circolazione di energia. Perciò, dopo questo massaggio, non ci si sente sedati, ma, al contrario, ci si sente potenziati. Un’altra unicità di questo trattamento è che le tecniche si spingono fino al limite delle possibilità del paziente, con l’utilizzo delle mani, dei gomiti, delle ginocchia e dei piedi. Questa tecnica è adatta anche e specialmente per atleti di discipline aerobiche, come chi pratica la corsa, il ciclismo, il calcio, ecc.  Il massaggio può contribuire a ridurre il tempo di recupero lasciando il corpo rilassato e la mente sveglia.
E’  indicato anche per individui depressi perché ha un effetto equilibrante a livello emotivo.

Richiedi informazioni

15 + 5 =